Amnistia

Amnistia (d. pen.)
È una delle cause di estinzione del reato. Consiste in un atto di clemenza generale con cui lo Stato rinuncia all'applicazione della pena nei confronti di coloro che abbiano commesso fatti costituenti reato in un determinato periodo, anteriore all'entrata in vigore della legge di concessione del beneficio.
L'(—) può essere:
— propria, per i reati per cui non sia ancora intervenuta la condanna; essa estingue il reato;
— impropria, se interviene dopo la sentenza irrevocabile di condanna; essa estingue le pene principali e quelle accessorie, ma non gli altri effetti penali della condanna. In particolare, l'(—) propria ed impropria non fa venir meno le conseguenze civili del reato, per tali intendendosi quelle che derivano dal reato non quale illecito penalmente sanzionato, bensì quale illecito civile, come tale produttivo di danno. Inoltre la condanna irrevocabile, la cui esecuzione viene meno in conseguenza dell'amnistia, continua a produrre effetti in relazione, ad es., all'accertamento della recidiva, alla dichiarazione di abitualità o professionalità nel reato, all'applicabilità della sospensione condizionale della pena, o quando rilevi quale presupposto di altro reato.
Mentre l'(—) propria impedisce l'inflizione della pena principale, quella impropria impedisce l'esecuzione della stessa pena o non permette, intervenendo ad esecuzione iniziata, che l'esecuzione prosegua.
L'(—) è rinunziabile dall'imputato; essa differisce dall'indulto in quanto questo, alla pari dell'(—) impropria, estingue la pena, ma solo quella principale, e non anche quelle accessorie.
L'art. 79 Cost. stabilisce che la competenza a concedere l'(—) spetta in via esclusiva al Parlamento con deliberazione effettuata a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera, in ogni suo articolo e nella votazione finale.
È inoltre previsto che, per superare l'impasse interpretativo fino ad ora verificatosi, la legge di concessione dell'(—) deve stabilire il termine per l'applicazione e che, in ogni caso, le (—) non potranno applicarsi ai reati commessi successivamente alla presentazione del disegno di legge.
Le leggi in materia di (—) non possono essere sottoposte a referendum abrogativo (art. 752 Cost.).