Accise

Accise Direttiva 25 febbraio 1992, n. 92/12/CEE

Sono tributi che colpiscono la merce al momento della produzione (imposta di fabbricazione) o dello scambio (imposta o dazio doganale). Il soggetto colpito dal tributo è il produttore o il rivenditore del bene, che può rivalersi nei confronti del consumatore aumentando il prezzo di vendita del prodotto.
Di conseguenza il tributo viene a costituire un costo che entra a far parte del prezzo di vendita ed è, in definitiva, pagato dall’acquirente.
In ambito comunitario, al fine di realizzare un ragionevole livello di uniformità tra i diversi regimi di prelievo delle accise degli Stati membri, il Consiglio ha emanato la direttiva 92/12/CEE “relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti soggetti ad accise”. Questo documento, oltre a circoscrivere l’ambito territoriale nel quale trova applicazione la direttiva, ad individuare negli olii minerali, nell’alcole, nelle bevande alcoliche e nei tabacchi lavorati i prodotti soggetti ad accisa, elenca i criteri per individuare lo Stato nel quale deve essere riscossa l’accisa:
— se i prodotti sono immessi in uno Stato membro ma sono detenuti per fini commerciali in un altro Stato membro, è quest’ultimo ad essere autorizzato al prelievo del tributo;
— se i prodotti sono acquistati da privati per uso proprio e successivamente trasportati in un altro Stato, la loro tassazione avviene nel paese di acquisto;
— se i prodotti sono stati acquistati da soggetti non aventi la qualità di depositario autorizzato, di operatore registrato o non registrato e sono trasportati dal venditore in un altro Stato membro, l’accisa verrà riscossa nello Stato di destinazione.
La direttiva inoltre istituisce un Comitato delle accise, composto da rappresentanti degli Stati membri e presieduto da un rappresentante della Commissione, che ha il compito di esaminare le disposizioni comunitarie in materia.
È previsto un regime speciale per talune bevende alcoliche e tabacchi lavorati in favore della Danimarca e della Finlandia valido fino al 31 dicembre 2003 e deroghe in favore della Svezia, per gli stessi prodotti, fino al 30 giugno 2000.